Come dentro un libro

Incursioni tra le righe dei grandi autori. Walter Taufer ci porta dentro le pagine dei libri di viaggio, per scoprire i luoghi raccontati dai libri e vedere come scrittori e giornalisti, a partire dagli inizi del Novecento abbiano, a modo loro, raccontato il paesaggio e la società trentina.

Come dentro un libro

Sentiamo come il grande Charles L. de Montesquieu descrisse i paesaggi del Trentino nel suo "Viaggio in Italia".

"Cime inviolate e valli sconosciute" è il libro che racconta il viaggio, fra i borghi e i paesaggi dolomitici, che la scrittrice Amelia Edwards intraprese 130 anni fa.

Michel de Montaigne nel suo "Viaggio in Italia" ebbe modo si visitare innumerevoli località, osservò attentamente i luoghi e gli abitanti e descrisse tutto.

Dino Buzzati celebra le Dolomiti come il più bell'esempio di architettura naturale con il libro "Le montagne di vetro".

"Dolomiti e dintorni. Taccuino di viaggi 1869-1875" è una raccolta di appunti di quel Walter White che negli anni 60 e 70 dell'Ottocento percorse in lungo e in largo quello che allora si chiamava il "Tirolo meridionale".

La Guida è uno spaccato dell'epoca che precedette la Grande Guerra. Cesare Battisti riporta usi e costumi; parla di economia e cultura, di demografia e di scuola.

Il libro ripercorre una delle esperienze fondamentali della vita di Goethe e dell'intera cultura del suo tempo. Quel soggiorno nel nostro paese (durato circa due anni) diede allo scrittore tedesco un nuovo senso della realtà e una nuova serenità.

Un Viaggio in Italia lungo tre anni quello di Guido Piovene, per tutti lo scrittore-reporter.

900 pagine per raccontare l'’Italia degli anni 50, quella sospesa tra la ricostruzione e il boom economico.