Un'occhiata in libreria

Le principali novità dell’editoria locale presentate direttamente dalla voce dei loro autori ai microfoni di Trentino inBlu.
Da ascoltare e… da sfogliare. Giovedì alle 11.40

Un'occhiata in libreria

Tarcisio Deflorian, della commissione sentieri della Sat del Trentino, ci presenta il quinto volume della collana dedicata ai "Sentieri e luoghi sui monti del Trentino", questa volta dedicato ai territori delle Dolomiti di Brenta, Presanella e Adamello.

Massimo Dorigoni ci presenta "Montagne senza vetta", raccolta sul tema della libertà con contributi di molteplici autori e da lui curata che è stata presentata nell'ambito del 65° Trento Film Festival.

Piergiorgio Motter, della Casa Editrice Rendena, ci presenta una delle ultime pubblicazioni: "La Sarca. Luogo delle diversità", un approfondimento sui numerosi aspetti del fiume Sarca a cura di Annibale Salsa ed Elio Caola.

In collegamento telefonico Giuseppe Mendicino ci parla del suo ultimo lavoro: “Mario Rigoni Stern. Vita, guerre, libri”, la biografia ufficiale del grande scrittore, che sarà presentata oggi alle 17.30 nella sala degli affreschi della Bibloteca comunale di via Roma.

In studio con Michela Grazzi, Isabella Maria ci racconta il suo ultimo libro: "Un altro presente è possibile".

In studio con Michela Grazzi, Antonio Scaglia e Alessandro de Bertolini ci raccontano il loro ultimo libro: "Viaggio".

In studio con Diego Andreatta, l'autore Mauro Lando ci parla del suo ultimo libro: "Alberi maestri nella città e nel territorio di Trento".

L'agroeconomista, presidente della Fondazione Mach, presenta il suo nuovo saggio sul cibo: una guida nelle contraddizioni della catena alimentare, tra ingiustizie e paradossi.  

In studio Alberto e Stefano Giovanazzi, nipoti di Angelina Gottardi, ci presentano "Memorie di Ernesto", volume che ripercorre la vita di Ernesto Roso, dalla Grande guerra, alla necessità di lavorare, fino all’emigrazione.

L'ospite di questa settimana è Giorgio Antoniacomi, autore di "Trento, città del Coniglio", volume che racconta con ironia la vita politica della città di Trento recentemente dominata dall'invasione dei conigli al cimitero.